Per la prima volta, dopo il massimo della passata primavera, questa sera Piazza Affari potrebbe chiudere sopra la resistenza settimanale. Rovesciando per la prima volta in otto mesi, un segnale ribassista scattato quando il MIB abbatté i 23125 punti. Nel caso, bisognerebbe prenderne doverosamente atto.

Piazza Affari inanella la settima seduta positiva negli ultimi otto giorni. Non si tratta di una sequenza record, ma da' la misura di una voglia di riscatto che francamente non avremmo sospettato nei giorni successivi all'abbattimento del supporto a 18400 punti, poi rientrato. C'é ottimismo, a giudicare dalla tripla cifra ora conseguita dal Greed Index, ma l'esame storico escluderebbe che ciò costituisca una minaccia immediata. Sicché l'indice è destinato a conseguire l'obiettivo minimo proposto qualche giorno fa, con la concreta probabilità di spingersi verso le successive proiezioni. Questo implicherebbe già da stasera la possibilità di chiudere oltre lo short stop settimanale: sarebbe la prima volta, dopo il massimo della passata primavera. Ripetiamo: un segnale, ribassista, di medio periodo, scattato quando il MIB abbatté i 23125 punti, per la prima volta dopo quasi otto mesi sta per essere ribaltato. Nel caso, bisognerebbe prenderne doverosamente atto.
L'Eurostoxx appare in questa fase più attardato, ma l'attenzione si sposta necessariamente negli Stati Uniti, dove gli indici continuano la politica salutare dei piccoli passi. Siamo a ridosso ormai dei 2600 punti. Conosciamo benissimo la barriera situata fra 2618 e 2643 punti, e scommetteremmo sul fatto che lì il rally sia destinato a fare marcia indietro. Ma non deve sfuggire un dato strutturale, assente da due anni e mezzo: ieri è stato finalmente conseguito un ADT11. Trattasi di una misurazione dell'ampiezza di mercato, sempre sfuggita in tutti i rally dei mesi passati. Formalmente, nelle ultime 11 sedute il 70% delle società dello S&P500 ha manifestato chiare manifestazioni di salute; e questo non è privo di effetti di medio-lungo periodo. Ne parliamo nel Rapporto Giornaliero di oggi ma nel 2019 Yearly Outlook, in elaborazione, il tema beneficerà di una posizione centrale nel dibattito.
Nel frattempo il persistente miglioramento delle quotazioni, va di pari passo con lo sbriciolamento della volatilità. Il VIX è sceso in 9 delle ultime 11 sedute, e per un soffio non ha fatto 10 su 11. La figura nel rapporto di oggi mostra gli episodi più recenti, e fornisce uno schema circa l'andamento più probabile per le prossime settimane a Wall Street.