Persi due punti di crescita nel giro di pochi giorni.

Il deludente dato sulle vendite al dettaglio nel mese di maggio, costringe la Fed di Atlanta a rivedere le previsioni di crescita per l'economia americana nel secondo trimestre: 0 percento, dal precedente +0.9% annualizzato, e dal +2.0% di non molti giorni fa.

Venendo da un -1.5% nel Q1, questo implica fra due settimane la definizione formale di recessione negli Stati Uniti. Lo appureremo con certezza contabile alla fine di luglio, quando sarà resa nota la lettura preliminare del GDP.

Alla Federal Reserve, malcelano una smorfia di approvazione. A Wall Street disapprovano, ma non ha importanza alcuna.