Se solo gli investitori si tenessero alla larga dalle leggende metropolitane...

La stagionalità da sola non è un input decisivo; ma solo parte di una strategia di investimento necessariamente più complessa.

Così come è insensato passare alla cassa soltanto per l'approssimarsi del periodo dal Dopoguerra in avanti meno favorevole dell'anno; allo stesso modo non è ragionevole puntare tutte le proprie fiche su un fenomeno stagionale favorevole come quello che propongo.

Negli ultimi 18 anni, lo S&P500 ha perso terreno soltanto due volte, nel semestre compreso fra maggio ed ottobre. In un paio di occasioni ha conseguito un saldo soltanto nominalmente negativo.

Complessivamente, dal 2003 sarebbe stata conseguita una performance prossima al 60%, in quello che molti considerano il semestre gramo del mercato azionario.

Una delle tante leggende metropolitane che circolano in borsa.