Drasticamente tagliato le forniture di gas dalla Russia.

Qualcuno nel frattempo ha letteralmente chiuso i rubinetti del gas naturale al confine orientale dell'Europa. I flussi sono crollati da uno standard di 60-80 milioni di metri cubici (MMC) al giorno, ai 10-20 MMC delle ultime settimane.

Soltanto 1.3 MMC ieri.

A fronte di una fornitura venuta meno drasticamente e senza alcun preavviso, è normale che i governi si affrettino a rifornirsi presso altre fonti, nel tentativo di accapparrare scorte per l'inverno; comprando a qualunque prezzo.

Si preannuncia un inverno freddo per le case, ma caldissimo per i costi dell'energia nel Vecchio Continente.