Si ripropone il lugubre segnale rialzista sperimentato sulla volatilità sul finire dello scorso anno.

Pochi giorni fa sul VIX - l'indicatore di volatilità implicita nelle opzioni sullo S&P500, calcolato dal CBOE - si è registrato un "golden cross": con la media a 50 giorni salita oltre la media a 200 giorni.

Un raro segnale tecnico che usualmente preannuncia (ulteriori) rialzi, stabilisce la teoria.

In effetti l'ultimo precedente risale a novembre 2018: la volatilità continuò a crescere, e il mercato azionario a precipitare.

Cosa ci riserveranno dunque le prossime settimane in borsa? nel Rapporto Giornaliero di domani esamineremo le prospettive per il VIX e soprattutto per lo S&P500, sulla base della casistica storica.

Ci soffermeremo su tutti gli episodi registrati in questo bull market (2009-2019), in tutti i casi dal 2003 in poi e in tutti i casi dal 1990 ad oggi.

Posso anticipare che la proiezione che sarà elaborata e fornita per i mesi a venire, sarà senz'altro degna di interesse.