Le minusvalenze sui titoli in portafoglio, prodotte dai ribassi dei BTP degli ultimi quattro mesi, riducono ulteriormente il capitale disponibile al netto dei NPL, e conducono gli istituti di credito domestici verso un credit crunch di cui nel 2019 vedremo i drammatici effetti sull'economia reale di tutti i giorni.

Dal 2012 in avanti, gli asset complessivi delle banche italiane si sono drammaticamente ridotti: di 1/3.

Banche minori comportano minore capacità di erogazione del credito, con contraccolpi facilmente immaginabili per l'economia reale.

Occorrono massicce ricapitalizzazioni, al pari di quanto effettuato in Francia e Spagna.

Viceversa, le minusvalenze sui titoli in portafoglio, prodotte dai ribassi dei BTP degli ultimi quattro mesi, riducono ulteriormente il capitale disponibile al netto dei NPL, e conducono gli istituti di credito domestici verso un credit crunch di cui nel 2019 vedremo i drammatici effetti sull'economia reale di tutti i giorni.