Il crollo del greggio rischia di esasperarsi ulteriormente nelle prossime settimane.

Il petrolio conclude l'ottava ancora una volta piegato dai realizzi.

Al momento, l'arretramento del Crude Oil nelle ultime 7 settimane sfiora il 30%.

Negli ultimi 15 anni, tutte le volte che la performance è risultata così negativa, ulteriori sacrifici di prezzo sono intervenuti.

Nel 2008 il crollo del petrolio coincise con la Grande Recessione Globale; nel 2015 con la "recessione nominale" indotta dalla svalutazione cinese, con conseguente esportazione di deflazione al RoW.

Nel Rapporto Giornaliero dell'altro ieri ci siamo soffermati sulle prospettive e sui target - ancora lungi dall'essere stati raggiunti - del petrolio. Lunedì ci soffermeremo sul posizionamento dei fondi speculativi.