Per poter leggere le risposte del Blog è necessario essere registrati all'Area utenti.
 
Username
 
 
Password
 
 
LEGGI LE RISPOSTE  
 
 
  Non sei abbonato?         REGISTRATI
 
 
  Recupera password
 
 
  Recupero password
 
  Nome
  
 
  Cognome
  
 
  Email
  
 
INVIA    
 
 
    < Indietro
RITORNA ALLA HOME
AGE ITALIA SRL

Via O. Mazzitelli 256/B
70124 Bari

Tel. +39 080 5042657
Fax +39 080 33931172

info@ageitalia.net www.ageitalia.net
P.Iva: 05590550728
  AREA UTENTI  
 
  USERNAME   
 
  PASSWORD   
 
ACCEDI  
 
Non sei abbonato?
REGISTRATI
 
 
Recupera password
 
  Nome
  
 
  Cognome
  
 
  Email
  
 
  INVIA
 
19 Gennaio 2018

IL BLOG DI GAETANO EVANGELISTA
contiene tutte le risposte alle domande pervenute quotidianamente in redazione da parte degli abbonati, su temi discussi nel Rapporto Giornaliero, o su temi che non trovano adeguata copertura nella reportistica. Le risposte sono ampiamente dettagliate e documentate, e rappresentano un vitale completamento della copertura analitica attuata con il Rapporto giornaliero.
L'accesso alle risposte è riservato agli abbonati.


Domande del mese: NOVEMBRE 2010
26/11/2010     Situazione PIIGS e sue conseguenze
Dopo l’Irlanda ormai il New York Times ed altri, danno per certo la Spagna con possibile crollo dell’Euro e la borsa. Le possibilità che la Spagna entri anche lei in un circolo vizioso aumenteranno sicuramente il prossimo anno quando dovrà rimborsare 192 miliardi di Euro.
Tra parentesi la borsa sta già scendendo molto, malgrado le sue previsioni ottimistiche di fine anno. Nel contempo anche l’oro sale, che non è un buon segno, dato che è un bene rifugio. A questo punto, piuttosto grigio, cosa ci si deve aspettare? E il futuro delle banche? 
 
26/11/2010     A2A
Avendo delle azioni A2A in portafoglio, desidererei avere un suo parere visto la particolare debolezza degli ultimi giorni. 
 
25/11/2010     Long stop e short stop
Volevo avere delucidazioni sui Long Stop e Short Stop.
Esempio: oggi allshare con chiusura a 20.588 ha un Long Stop 20987 e uno Short stop a 21362.
Sullo short stop è chiaro, oltre quel livello diciamo che è rischioso tenere aperte posizioni short, ma il long che si posiziona sopra il livello di chiusura? vuol dire che è individuata sopra il close una resitenza o altro che non può essere superata altrimenti si passa in un'area di ipecomprato/altro che risulta pericolosa? 
 
25/11/2010     Ipotesi correzione e situazione dollaro e commodities
Vorrei il suo parere sull'ipotesi che menziono di seguito. Prima però vorrei che mi confermasse il seguente quadro:

DAX sopra il LSG
S&P sopra LSS e sotto LSG
FTSE-MIB sotto LSG e LSS

Se dai valori attuali l'S&P correggesse fino al LSS (1150), perderebbe circa il 4%. Una correzione della stessa entità porterebbe il FTSE-MIB a 19200 (e, vista la debolezza relativa, forse anche a 18800-18500) e il DAX a 6550.

Concorda con il fatto che questi 3 ultimi valori rappresentano forti supporti e una potenziale base per una ripartenza? Trova questo scenario plausibile, in base alla analisi tecnica? In tal caso, consiglierebbe di shortare l'S&P 500 e il nostro FTSE-MIB (e a partire da quali livelli) o restare flat in attesa dei target sopra menzionati (col rischio però che la discesa prosegua)?
in parallelo, potrebbe cortesemente darci una prospettiva aggiornata su EUR/USD, Petrolio e Oro? Ossia capire quali sono in uptrend e dove si collocano i rispettivi LS e SS?
infine, oltre a Italcementi, quali altri large e mid cap del nostro indice hanno una configurazione migliore per operazioni short? 
 
25/11/2010     Dollaro borse metalli preziosi yen
Vorrei sottoporle alcune riflessioni sui mercati che spero vorrà commentare.

L'eurodollaro sta sperimentando una fase simile a quella della crisi di aprile maggio 2010.

ancora una volta la scusa è più che altro politica (irlanda, portogallo spagna grecia e anche italia oltre che al nuovo fattore corea).

a me sembra che questi movimenti siano più che altro rivolti ad aumentare o drenare la liquidità.

infatti il sottostante dell'economia è per alcuni aspetti in ripresa ma per altri in recessione e deterioramento.

in questo scenario gli unici bull market in atto sono quelli dei preziosi:
oro in bull market dal 2000
argento bull markt dal 2003 e in accelerazione da settembre 2010

palladio in bull market dal 2003 e dopo la correzione di fine 2008 che ha azzerato i guadagni in fortissimo bull market da marzo 2009
platino in bull market dal 2000

da notare che sempre di più i preziosi sono immuni dalle oscillazioni del dollaro, ovvero non reagiscono più come prima al rafforzamento del dollaro correggendo nel prezzo.

questi segnali sono a mio avviso dei forti campanelli d'allarme che i mercati sono via via più interessati a salvaguardare il valore degli investimenti in valore assoluto e non in ottica di valuta.

essendo i prezzi delle azioni legati anche ad una conservazione del potere d'acquisto anche i mercati azionari hanno risentito di questa tendenza.

ultimamente però le figure grafiche in particolar modo sullo S&P500 sono molto simili al top di aprile: continui movimenti altalenati secchi pur all'interno di un range tutto sommato ristretto ma pur sempre troppo vicino ai massimi di periodo. il tutto condito dal violento rafforzamento del dollaro.

possono secondo lei crearsi di nuovo le condizioni per un'improvviso violento scrollone simile al meno 10% di aprile? magari limitato ad un meno 4-5% in un giorno?

l'argento che finalmente pare essersi liberato dalle catene delle colossali vendite short di jpmorgan e goldman sachs può continuare la sua corsa senza ritracciare sotto il minimo di 25 $ della settimana scorsa oppure "vede" una correzione che consolida l'uptrend in atto però almeno fino a 22-23?

idem per il palladio uin altro missile che sembra lanciato almeno verso l'area 850.

ogni scrollone serio sulle borse migliori (dax, S&P) e sui metalli sarebbe sempre da comprare in vista della prossima primavera che dovrebbe portarci su prezzi decisamente più alti.

all'interno della manipolazione sulle valute e le tensioni politiche non bisogna dimenticare che la gente comune può sempre più stufarsi e minacciare nuovamente di ritirare i soldi dalle banche portando alla fine dell'attuale sistema.
per questo dubito che una correzione sugli indici possa essere superiore al 6-7% dai livelli attuali.

trading range forsennato dove i cavalli migliori minacciano di strappare ancora (vedi argento e palladio) ma anche di consolidare prima di riprendere la marcia verso l'alto.

lascia perplessi l'andamento del petrolio che solitamente le mani forti del mercato pompano ai limiti del sopportabile.

sullo yen i giochi non sono ancora così chiari.
l'euroyen ha a parer mio delle forti divergenze sugli indicatori che segnalano a medio termine un ritorno almeno in area 125 mentre il dollaro yen pare aver consolidato il minimo di 80 ha avviato la sua corsa al ritracciamento del movimento ribassista aprile-ottobre 2010.

con gli ultimi sviluppi della corea magari proprio da lì partirà la scusa per una svalutazione dello yen.

interessante anche il cambio euro-dollaro australiano che conferma il forte trend in atto sui preziosi, è d'accordo? 
 
24/11/2010     Correzione in atto
Leggevo sulla rivista da voi pubblicata questa sera un articolo di charlie Minter il quale afferma che i mercati stanno sottovalutando oltre che trascurandoi segnali negativi che stanno evidenziandosi da tempo . Alla luce di quello che sta accadendo sulle piazze finanziarie condizionate anche dagli eventi socio politici degli ultimi giorni ( vedasi Irlanda Corea e probabilmente Portogallo a breve ) quali potrebbero essere gli scenari piu' probabili? Pochi giorni fa affermava che il target della correzione sul ftse mib sarebbe stato non piu' basso di 20200. Ora che e' stato abbattuto e con esso anche la soglia dei 20000 punti e' probabile rivedere i minimi diella scorsa primavera a 18000 o e' da preventivare cali piu' estesi vista la serie di massimi decrescenti di medio termine ( ottobre 2009 aprile 2010 , novembre 2010 ) ? La consiglierebbe un' operativita' short , magari dopo un rimbalzo che non dovrebbe tardare visto il forte ipervenduto di breve? 
 
24/11/2010     Short euro/dollaro e Hang Seng
Visto il movimento del cambio di oggi è forte l'impressione che sia iniziata, in termini di onde di Elliott, l'onda (3) di 3 ribassista. Lei cosa ne pensa? come vede un'entrata short sul cambio, anche per coprire il portafoglio?

Mi permetto di disturbarla di nuovo, solo perché la presente domanda è collegata all'altra mia avente per oggetto: short eurodollaro/protezione portafoglio, potrà quindi, se lo riterrà opportuno dare un'unica risposta, e di questo la ringrazio anticipatamente. A corollario infatti di una eventuale protezione del mio ptf tramite short euro dollaro, e considerando che ho in essere una posizione sull'indice Hang Seng Hong Kong (dunque in dollari di Hong Kong), mi sto domandando, ammesso che l'andamento dei due cambi EURO/DOLLARO USA e EURO/DOLLARO HONG KONG sia correlato (cosa che ignoro), se, proprio per questo motivo, detta posizione possa ritenersi di per se protetta (nell' ipotesi beninteso di un apprezzamento del dollaro sull'euro. 
 
24/11/2010     Euro + rotture triangoli
Volevo chiederle se la rottura di 1,35 dell'euro è un segnale affidabile come qui sotto riportato e quindi il DMcDM è valido.

Volevo altresì chiederle che sullo stoxx50 e ftsmib come peraltro lei stesso già evidenziava si è conclamata la rottura verso il basso .......direi un pò a sorpresa.
A qsto punto il rally è concluso oppure i 1170 di sp500 fanno ancora ben sperare?
E' possibile inquadrare il triangolo sul ftsmib e sullo stoxx50 come un cuneo in controtendenza la cui rottura formalizzata oggi almeno sul daily fa da ri-partenza di un nuovo down trend?  
 

Pagina di 10 






RICERCA per parola:
 
 


ARCHIVIO domande
 
ANNO MESE N. DOMANDE
2008  
2009  
2010  
Gennaio (58)
Febbraio (61)
Marzo (74)
Aprile (82)
Maggio (91)
Giugno (76)
Luglio (77)
Agosto (29)
Settembre (78)
Ottobre (80)
Novembre (80)
Dicembre (54)
2011  
2012  
2013  
2014  
2015  
2016  
2017  
2018  




 
Il sito è stato realizzato dalla:
Web studio Lab srl
info@webstudiolab.it
www.webstudiolab.it

Testi © Copyright:
AGE Italia srl

AGE ITALIA SRL
Via O. Mazzitelli 256/B - 70124 Bari
C.F./P.IVA 05590550728
Capitale sociale: €.50.000,00 i.v.
Numero Reg. Imprese: 05590550728
Numero REA: BA427337
IBAN: IT57T0303204001010000003420
Codice SIA: 048Y9
AGE ITALIA SRL
P.IVA 05590550728